venerdì 6 ottobre 2017

Ius soli, in aula la pessima scuola.

di Alessandro Morelli. I politici non sono più (solo) quelli delle aule parlamentari, ormai anche le aule scolastiche sono diventate luogo di azione ideologica nel tentativo di formare le nuove generazioni con gli obiettivi politici di riferimento di quella che una volta era considerata la sinistra. E' così che parlamentari, ministri e maestri annunciano uno sciopero della fame a favore dello Ius soli, la norma che permetterà di accelerare il percorso di cittadinanza per i minori stranieri.
Mentre le aule cadono a pezzi sulla testa dei ragazzi, le cattedre rimangono vacanti e gli studenti si devono portare la carta igienica da casa, i Soviet delle aule si mettono in azione visto che la politica non riesce a venire a capo di un obiettivo fondamentale per completare l'opera di mescolamento delle culture ed etnie all'interno della società italiana. Le vittime sacrificali sono i nostri giovani, italiani e stranieri, usati a scopi politici da dei cattivi maestri con la tessera politica in tasca.

Nessun commento: