martedì 19 dicembre 2017

Bollette luce, acqua e gas prescritte in 2 anni.

di Marina Crisafi. Due anni. A tanto ammonta il tempo a disposizione delle aziende di luce, acqua e gas per riscuotere le bollette.
È quanto prevede l'emendamento approvato dalla commissione bilancio della Camera alla manovra che va a tagliare di ben tre anni i termini di prescrizione dei crediti vantati dai fornitori nei confronti degli utenti domestici e delle piccole imprese. Dopo la prima tranche di modifiche, soprattutto sul fronte fiscale (con la previsione di un nuovo calendario e il rinvio dell'addio agli studi di settore), è arrivato il semaforo verde all'emendamento che taglia la prescrizione quinquennale nei contratti di fornitura di energia elettrica, gas e acqua, di tre anni, prevedendo che "il diritto al pagamento del corrispettivo si prescriva in due anni". La norma, che non fa altro che ricalcare quanto previsto dalla proposta di legge approvata all'unanimità alla Camera nei giorni scorsi, rappresenta una boccata d'ossigeno per i cittadini che si vedono arrivare maxiconguagli anche dopo diversi anni. Non solo. Le norme approvate prevedono che in caso di emissione di bollette di conguaglio relative a periodi più vecchi di due anni, gli utenti che abbiano presentato reclamo hanno diritto alla sospensione del pagamento finchè non venga accertata la legittimità della condotta dell'operatore. In ogni caso, gli utenti avranno diritto, all'esito delle verifiche, di ottenere il rimborso dei pagamenti effettuati a titolo di conguaglio indebito entro tre mesi.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)