giovedì 28 dicembre 2017

'Il Paese si è rimesso in moto e continueremo a governare' …un augurio e una minaccia!?

"Il Paese si è rimesso in moto e continueremo a governare". Così il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni nella conferenza stampa di fine anno e di fine legislatura.
"Naturalmente - ha ancora spiegato - oltre a svolgere il mio ruolo fondamentale di presidente del Consiglio sia pure in un contesto di campagna elettorale e di camere sciolte, darò il mio contributo alla campagna elettorale del Pd". Parole di circostanza, da campagna elettorale per l'appunto, smentite dalla vita reale che i cittadini sono costretti ad affrontare tutti i giorni e dagli ultimi dati Istat, secondo i quali vivere nelle grandi città costa alle famiglie quasi 500 euro al mese di più. Ed è proprio a fronte del caro vita e del calo delle retribuzioni che gli italiani non fanno più figli, tant'è che le famiglie in un caso su tre sono formate da una sola persona, mentre il numero medio dei componenti scende a 2,4. Ed in vista del prossimo voto si apprende che c'è meno voglia di politica, il 24% non si informa, il 32% non ne parla mai. Ma secondo 'loro', il Paese si è rimesso in moto e continueranno 'pure' a governare… un augurio e una minaccia!?

1 commento:

Alfredo Lissoni ha detto...

GRAZIE A DIO È FINITA! Mattarella scioglie le Camere. Finalmente si vota! Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dopo aver sentito i Presidenti dei due rami del Parlamento, ai sensi dell'articolo 88 della Costituzione, ha firmato il decreto di scioglimento del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, che è stato controfirmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri. Subito dopo, comunica il Quirinale in una nota, il Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, Ugo Zampetti, si è recato dai Presidenti del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati per comunicare il provvedimento di scioglimento delle Camere.