mercoledì 20 dicembre 2017

La demagogia della commissione. Pomicino difende Boschi e striglia Padoan.

di Paolo Cirino Pomicino. Il cupio dissolvi che ha avviluppato l'intero sistema politico italiano spinge alla deriva ogni livello istituzionale salvando sinora solo la presidenza della repubblica.
L'ultima deriva è quella che sta vivendo la commissione bicamerale d'inchiesta che oggi sembra allo sbando pur avendo l'obbligo di fare emergere ogni responsabilità sul fallimento di 6 banche minori e, a cascata, sui problemi che stanno affannando l'intero sistema del credito. Ebbene dinanzi a questo mandato avuto dai due rami del parlamento la commissione sembra essere presa da una crisi isterica sulla convocazione dell'ex amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, per sapere se davvero la sottosegretaria Boschi abbia caldeggiato il salvataggio della Banca Etruria nei cui organi direttivi c'era, com'è noto, il padre con la qualifica di vicepresidente. Una notizia che se anche fosse confermata non aggiungerebbe nulla alla tragedia di migliaia di risparmiatori e si concluderebbe in una specie di sanzione morale della Boschi che avrebbe mentito al parlamento. Un ministro, o comunque un deputato della repubblica, non solo ha il diritto ma il dovere di interessarsi di tutto ciò che accade nella propria regione offrendo o cercando soluzioni a problemi che possono travolgere economicamente molti cittadini. E qui casca l'asino. Se la Boschi ed il governo di cui era componente autorevole meritano una condanna politica non è certo per aver detto a Ghizzoni di salvare Banca Etruria. La condanna va comminata per l'esatto contrario, e cioè per non aver salvato le 4 banche del centro Italia quando potevano ancora essere salvate. E la responsabilità primaria ricade sulle spalle del ministro del Tesoro. Il ministro del Tesoro è il convitato di pietra di quella commissione la cui statura culturale, spiace dirlo, sembra inadeguata per fare chiarezza sulle contraddizioni del nostro sistema del credito. Prima Monti e poi Grilli hanno iniziato ad istruire la disciplina del bail-in senza rendersi conto dello stato in cui versavano alcune banche che avrebbero potuto salvare come hanno fatto francesi, tedeschi e inglesi. L'opera scellerata fu continuata dal governo Letta senza che a nessuno venisse in mente di consultare Bankitalia per conoscere le condizioni in cui versavano le nostre banche alcune delle quali erano già state commissariate da Bankitalia (vedi Banca Marche). Il governo Renzi nell'aprile 2014 approvò il recepimento della direttiva europea che conteneva la nuova disciplina delle risoluzioni bancarie senza voltarsi neanche per un momento indietro per capire l'impatto che quella disciplina avrebbe avuto sul sistema bancario italiano. Lo stesso governo, nella persona del ministro del Tesoro Padoan, lasciò cadere l'utilizzo del fondo interbancario secondo una interpretazione della commissione europea che riteneva quelle risorse di natura pubblica. La nostra banca d'Italia sosteneva il contrario e Padoan invece di seguire le indicazioni della Banca d'Italia lasciando poi alla Corte di giustizia europea il compito di dirimere il contrasto si accodò all'interpretazione della commissione. Un ministro del Tesoro politico e non tecnico avrebbe fatto l'esatto contrario e avrebbe così risolto il problema delle 4 banche dell'Italia centrale. La inerzia dei ministri del Tesoro ha di fatto costretto lo Stato a non intervenire per tempo per salvare le banche costringendolo così poi a metter mano alla tasca (oltre 29 miliardi di euro) quando i buoi erano già scappati e i danni già procurati. Insomma cornuti e bastonati come si suol dire. Di tutto ciò la commissione non si interessa per cui chiederà a Ghizzoni solo della chiacchierata con la Boschi e non delucidazioni sul presunto buco lasciato da lui ad Unicredit che ha consentito al suo successore Jean Pierre Mustier di fare quel maxi aumento di capitale (15 miliardi di euro) e sottrarre così il controllo italiano non solo su Unicredit ma a cascata anche su Mediobanca e Generali. Un disastro senza limiti. In tutta questa sarabanda da periferia, intanto i duri e i puri dei 5 stelle si sono incontrati con alcuni fondi speculativi e alcune realtà finanziarie come la francese Amundi che aveva acquistato dal concittadino Mustier un player del risparmio gestito del calibro di Pioneer. E così il cerchio si chiude. Mentre Roma discute l'Italia viene espugnata mentre l'opposizione già omaggia i nuovi padroni della finanza italiana.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)