venerdì 22 dicembre 2017

La politica di una classe dirigente senza idee.

di Gerardo Lisco. La commissione , presieduta da Casini, che si occupa dell'affaire Banca Etruria ha posto in luce in modo netto il conflitto di interessi ad esso sotteso
che, a sua volta, rivela l'inconsistenza della classe dirigente nata sull'onda della "rottamazione" di Renzi e sull'ascesa del modello politico inaugurato da Berlusconi. La politica non può essere ridotta a pura e semplice estetica. La politica è in primo luogo capacità di interpretare la realtà sociale e di capirne le contraddizioni e partire da quelle per proporre un progetto politico. Se Berlusconi nasce all'insegna della "rottamazione" della classe politica della Prima Repubblica (quella sì classe politica!), Matteo Renzi prosegue con lo stesso modello e con la stessa comunicazione. L'obiettivo di Renzi è la rottamazione della classe politica che aveva guidato il centrosinistra nella Seconda Repubblica. La "rottamazione" delle classi dirigenti di per se non significa nulla se non si ha cultura politica, visione del mondo, competenze, se non si è "persone" delle istituzioni. La caduta nella polvere di Maria Elena Boschi, di Matteo Renzi e di tutto l'entourage è l'ultimo atto della Seconda Repubblica. Il primo colpo all'impianto della Seconda Repubblica e della sua evoluzione in senso "bonapartista" lo ha dato il referendum del 4 dicembre dello scorso anno sulla controriforma della Costituzione. L'impianto costituzionale che potenziava l'esecutivo in nome di un modello "bonapartista" che aveva nel Presidente del Consiglio una sorta di monarca repubblicano legibus solutus, il secondo colpo è stato inferto dai dati sulle politiche economiche sin qui condotte riconducibili ad alcuni dati esemplificativi: 10 milioni di italiani in povertà, 13 milioni coloro che rinunciano a curarsi per mancanza di denaro, disuguaglianza crescente tra aree geografiche e pezzi di società, crescita del lavoro precario nonostante gli interventi del governo, riduzione delle tutele, disoccupazione delle fasce di età giovane che tocca il 40%, ecc. Nel 2013, all'indomani della non vittoria dell'alleanza guidata da Bersani "Italia bene comune", dopo il governo "lacrime e sangue" guidato da Monti e sostenuto da tutte le forze politiche presenti in Parlamento, gli italiani si aspettavano Governi in grado di offrire una controparte credibile rispetto ai sacrifici che avevano dovuto sopportare nella passata legislatura. Di quei sacrifici e della inutilità di quei sacrifici, soprattutto nel popolo di centrosinistra imputavano il gruppo di dirigente del PD e nello specifico lo stesso Bersani e a seguire D'Alema. Per cui la "rottamazione" di Renzi viene accolta con un senso di liberazione. Molti vedono nel giovane rottamatore e nel suo entourage, del quale per competenza e bellezza la Boschi è la punta avanzata, una speranza. Non è un caso che alle elezioni europee il PD supera il 40% dei voti, cioè 11 milioni di voti. La luna di miele dura un bel po'. C'è voluto tempo perché gli Italiani capissero che dietro l'estetica giovanilistica e il tono arrogante e sprezzante, non c'era altro. Estetica e toni mascheravano il vuoto, il nulla. I poteri forti - da Marchionne a Bini Smaghi, passando per personaggi autorevoli come il Presidente emerito Napolitano o l'ex direttore/fondatore de la Repubblica Scalfari - si sono limitati ad imporre un personaggio da operetta come Renzi utile a guidare il processo di reazione neoliberista ed oligarchica funzionale alla ristrutturazione del sistema Italia in funzione della costruzione dell'Europa Carolingia. Oggi, di fronte al collasso della Seconda Repubblica, i ceti dominanti, i poteri forti, offrono Renzi, il giovanotto della Provvidenza da opporre al populismo del M5S e della Lega, in pasto alla plebe cercando in questo di restare a galla per l'ennesima volta. Come successe all'indomani della fine della Prima Repubblica, dovuta non a "tangentopoli", questa è la vulgata comune utile per la solita plebe, bensì alla fine del mondo diviso in blocchi, siamo a un bivio. Le questioni sono tante dal fiscal compact del quale nessuno parla ma che ci imporrà tagli alla spesa pubblica da 40 - 50 miliardi l'anno, alla crescente disgregazione sociale e territoriale tra nord e sud, alla necessità di dover costruire una nuova UE, alla ripresa che è inconsistente, ecc. In una parola siamo in presenza di costi che dovranno essere caricati a pezzi di società, resta da capire quali? Che Renzi e il suo entourage siano nella polvere è poco male, ciò che è difficile capire è cosa si prospetta per la prossima legislatura. Considerati gli interessi in gioco spero solo che la campagna elettorale si mantenga nei limiti del confronto civile e che non sfoci in terapie shock tali da mettere in pericolo la stessa Democrazia.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI