martedì 19 dicembre 2017

Stipendi da fame per i lavoratori e dirigenti strapagati.

In Italia, secondo le ultime stime, il 18% della popolazione, circa 10 milioni di persone, non possono far cose come:
andare in vacanza una settimana all'anno, scaldare adeguatamente la casa o avere una macchina, spendere dei soldi in attività ricreative, affrontare una spesa imprevista (come mal di denti e lavatrice guasta), in alcuni casi nemmeno mangiare regolarmente. E non stiamo parlando solo dei disoccupati, ma anche di quegli italiani che hanno un lavoro 'regolare', ma che sono comunque più poveri: lavorano tanto, una media di 9 ore al giorno, e guadagnano poco, troppo poco rispetto alla media Ue e soprattutto al costo della vita, alla pressione fiscale e al loro 'dirigente'. Ormai non è più un segreto che la causa di tutti i mali è stato l'infausto passaggio dalla Lira all'Euro che ha dimezzato le buste paga e quadruplicato il caro vita! Però le responsabilità di uno stato sociale allo sbando e la svalutazione del lavoro non è solo colpa di Bruxelles, ma soprattutto della nostra 'classe dirigente'. Un esempio su tutti: la Ue ha stanziato 70 miliardi dal 2014 al 2020, ma gli italiani ne hanno usati solo 2,5 miliardi. L'occasione persa dei 'fondi strutturali' la spiega Simone Filippetti, giornalista del Sole 24. Insomma, dirigenti strapagati, ma inadeguati e incapaci di beneficiare dei fondi Ue, di tutelare salari, pensioni e risparmi degli italiani, e altresì indifferenti a motivare - anche economicamente - chi lavora e s'impegna. Non è un caso che il grosso della spesa pubblica non sono i semplici impiegati con una retribuzione media di 1.100 euro al mese, ma i dirigenti che guadagno cifre spropositate se confrontate con quelle dei pari grado europei. I dirigenti apicali e di prima fascia guadagnano più o meno il doppio rispetto ai colleghi britannici, francesi e tedeschi. E questo nonostante il tetto di 240 mila euro di stipendio introdotto nel 2014. Ennesima conferma degli sprechi della pubblica amministrazione, compresi gli stipendi d'oro di Quirinale, Camera, Senato, ecc, ecc, a cui non si è mai posto davvero rimedio, nonostante anni e anni di promesse e nonostante il Paese sia ormai allo stremo, come denunciato recentemente dall'Istat che ha stimato ben 18 milioni di italiani a rischio povertà o esclusione sociale.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI