martedì 16 gennaio 2018

Poirot, il piccolo grande belga…

di Pier Giorgio Tomatis. Hercule Poirot è un personaggio immaginario, un investigatore privato che collabora con la Polizia inglese e che supporta in numerosi casi legati al maggiore dei crimini umani: il delitto.
Nato dalla fantasia della scrittrice inglese Agatha Christie (1890-1976) è protagonista di ben 33 romanzi e 52 racconti. Tra i più famosi ricordiamo Poirot a Styles Court (l'esordio nel 1920), Delitto sotto il sole, Assassinio sul Nilo, Assassinio sull'Orient Express e il triste tramonto con Sipario (L'ultima avventura di Poirot). Il piccolo, baffuto, sovrappeso, orgoglioso, ex-Ispettore di Polizia belga è il profugo di guerra più famoso della Storia. Infatti, egli si trasferisce nel Regno Unito nel 1914, alle soglie dello scoppio della Grande Guerra. La Storia (quella vera) racconta che effettivamente, all'epoca, 250 mila profughi lasciarono quei territori per chiedere asilo alla monarchia inglese e il 10% di essi decise di rimanere nell'isola anche dopo il termine del conflitto. Nel pieno fulgore delle sue capacità (e quelle delle sue celluline grigie) non c'è assassino che tenga e ogni colpevole che incontra sulla sua strada viene consegnato alla giustizia tranne nel triste e mesto finale quando, debilitato e anziano, decide di commettere a sua volta coscientemente un omicidio per fermare un assassino che altrimenti la farebbe franca e di lì a poco muore. Il successo e la fama di Hercule Poirot sono tali che egli rimane l'unico personaggio di fantasia ad aver avuto un coccodrillo. Il 6 agosto 1975, sul New York Times, apparve un articolo in cui si potevano leggere queste parole: "Hercule Poirot, il detective belga di fama internazionale, è morto in Inghilterra, non si conosce la sua età anagrafica". Il Circolo Artistico e Letterario Hogwords cerca di continuare l'epopea dell'uomo e dell'esperto di crimine ricordandolo e ispirandosi ad esso in ogni occasione che renda ciò piacevolmente possibile (dalle Cene con delitto Letterarie alle vere e proprie Presentazioni Letterarie).

Nessun commento: