lunedì 19 febbraio 2018

I soldi non danno la felicità, però aiutano ad essere meno... infelici!

I soldi non danno la felicità, recita un vecchio adagio popolare, ma sicuramente aiutano ad essere meno tristi. Insomma, meglio avere le tasche piene che vuote, perché è vero che con il denaro non si compra la felicità, ma di certo è indispensabile per 'vivere' sereni. Certo, i soldi non sono tutto nella vita, ma senza di quelli non si va da nessuna parte! E così - nel Belpaese laddove il passaggio dalla vecchia Lira all'Euro, il debito pubblico, l'evasione fiscale e la corruzione dilagante, hanno lasciato morti e feriti sul fronte delle buste paga, dei pensionati e delle piccole e medie imprese - dovrebbe esistere un reddito mensile 'minimo-garantito' che assicuri una vita 'normale'  a tutti gli italiani. Fermo restando il reale costo della vita, abbiamo stimato tale reddito intorno ai 1.800 euro al mese per singolo individuo. Al netto di mutuo, affitto, bollette, tasse, spese mediche irrinunciabili, spese alimentari necessariamente in 'offerta', abbigliamento rigorosamente in 'saldo' o ai mercatini, e salvo imprevisti dell'ultima ora, tipo meccanico, idraulico e dentista, di questi 1.800 euro avanzerebbe solo qualche spicciolo per regalarsi un film al cinema e una pizza in trattoria almeno una volta al mese! D'altronde non si vive di solo pane e se è vero che i soldi non danno la felicità, di certo aiutano a vivere meglio!

Nessun commento: