venerdì 23 febbraio 2018

Italia zerbino Ue, ennesima 'bacchettata' di Juncker!

Ma perché Juncker non pensa a guidare la Commissione Europea, ovvero a farsi gli affaracci suoi, invece di preoccuparsi dell'"operatività del governo italiano" dopo il 4 marzo? Perché la sua Ue è, forse, operativa su qualche cosa che non sia il prendere le misure delle nostre vongole? Perché Jean Claude non ha espresso le stesse preoccupazioni per la Spagna, il Belgio e la Germania che hanno avuto non pochi problemi a mettere insieme uno straccio di governo? Perché Juncker ce l'ha tanto con noi sui conti pubblici? Perché la Ue ci bacchetta come una maestrina sui 'compiti da fare in casa'? Ma, soprattutto, perché Bruxelles ci tratta come lo zerbino d'Europa, considerandoci buoni soltanto a pagare pegno, senza ricevere mai nulla in cambio, se non migliaia e migliaia di migranti? Certo con un Presidente del Consiglio alla camomilla, un Presidente del Parlamento Europeo che perde tempo sul ricorso Ema, e una Vice Presidente della Commissione Europea che non si vede e non si sente, è difficile ottenere qualcosa in più di una minestra riscaldata!

Nessun commento: