giovedì 1 febbraio 2018

Pagare col bancomat e Detrarre dal 730. Ma nessuno lo fa, perché?

L'Italia ha il sistema fiscale più complicato e gravoso del mondo che, con oltre 200 tasse e quasi 900 adempimenti fiscali all'anno, si mangia più del 50% del reddito dei contribuenti.
La nostra pubblica amministrazione, che è la causa principale di un debito pubblico fuori controllo, è tra le peggiori d'Europa: lenta, complicata, corrotta, inefficace e inefficiente. Eppure, lorsignori, in campagna elettorale promettono flat tax, bonus e di tagliare tasse universitarie, bollo auto e canone Rai. Nessuno, però, fa 'proposte serie' di semplificazione fiscale e burocratica, nessuno si assume la responsabilità di rendere obbligatorio per tutti, commercianti, professionisti e artigiani, il 'rilascio di fatture e scontrini' che i consumatori possono 'scalare' dalla dichiarazione dei redditi. Questo è il solo provvedimento che renderebbe 'giustizia fiscale' a quei milioni di contribuenti onesti che pagano anche per chi evade ed elude il fiscopagare servizi e prestazioni con 'moneta tracciabile' e pretendere sempre la 'ricevuta fiscale', perchè portarla in detrazione dal 730 deve essere sempre più conveniente dello 'sconto' praticato dai furbetti dello scontrino col solito ritornello: "...con fattura 250 euro ...senza 200"! Operazioni che si potrebbero fare senza costi aggiuntivi e, dunque, senza sforare il deficit di spesa. Ma nessuno ha fatto mai niente in questa direzione, perché nel Belpaese il vero potere non è più nelle mani dei politici, ma in quelle di burocrati e finanzieri. E la politica, come si sa, sta sempre dalla stessa parte, quella del più forte non quella dei cittadini!

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI