lunedì 28 maggio 2018

La porcata.

di Marcello Veneziani. Alla fine, la porcata arrivò. Via il governo populista venuto dalle urne, via il ministro sgradito agli eurarchi, nasce il governo tecnico voluto dal Palazzo, nel nome del terrorismo economico europeo.
Finisce un incubo e se ne apre un altro, forse peggiore. Tre mesi e stiamo peggio di prima. Il no a Savona di Mattarella e per sua bocca di tutto l'establishment, è il no all'Italia sovrana. Si va al voto, Salvini e il centro-destra partono in vantaggio, Di Maio rischia grosso e al suo posto si rivede Diba; ma ora aspettatevi il bombardamento antipopulista, il terrorismo finanziario per seminare panico tra la gente e intimidire gli elettori… Dopo lunga agonia è finita la seconda repubblica ma non si sa che roba stia cominciando: la terza repubblica, la quarta internazionale, la quinta di Beethoveen… Per ora becchiamoci l'Impero eurocratico e i suoi emissari locali e Cottarelli per accodarci all'Europa e far sbollire i furori populisti. E non voglio pensare a che terremoto accadrebbe se la maggioranza ampia del parlamento, tra fratelli d'Italia, lega e grillini, puntasse sull'impeachment del Presidente della repubblica. Stiamo davanti a una crisi senza precedenti…. Quando vedi schierati dalla stessa parte la Germania italofoba, gli eurocrati, la sinistra, i giornaloni, le agenzie di rating, Mister Spread e il Quirinale, agli italiani non resta che stringersi intorno a Salvini & Savona. Da una parte è il sistema, l'establishment, la Trojka, il primato contabile e finanziario, la conservazione degli assetti, l'apparato ideologico e tecnocratico che ci ha portato fin qui e dall'altra ci sono i popoli, i cittadini, il loro voto e il loro malessere. Capisci che è in gioco la sovranità nazionale e popolare, la possibilità per un governo di ridiscutere gli obblighi e le minacce, e non di subirli. Savona e Salvini non discutono la permanenza in Europa o nell'euro ma il modo di starci e i ruoli pre-assegnati. Tutto questo è vero, e si unisce al richiamo alla dignità nazionale, all'orgoglio italiano calpestato e ferito. Non si tratta di bullismo politico o di prepotenza populista. Non era Savona il toccasana né l'ammazzaeuropa; è semplicemente un lucido e autorevole economista e il migliore dei ministri proposti nella rosa di maggio del duo Salvini-Di Maio. Impressiona vedere quante mezze calzette e sprovveduti totali vengano accettati dal Quirinale e da tutto l'apparato politico-mediatico-istituzionale in ministeri anche importanti, ma non venga accolto l'unico esperto, competente, che esprime appieno in sede economica la linea del cambiamento e della sovranità nazionale sancita dalla Costituzione e violata in seguito. Ascoltate con attenzione gli avvertimenti di stampo mafioso e antidemocratico degli esponenti di quel corteo funebre che è la sinistra. A loro stanno bene i più sciamannati dei grillini mentre tolleranza zero verso Salvini, Savona, "la destra" e verso il vero contenuto del cambiamento, voluto e votato dagli elettori. Una posizione ideologica, pregiudiziale, minacciosa, antitaliana che ancora una volta non capisce il senso dei tempi, delle sfide e dei popoli. E si attarda sugli schemini di sinistra-progresso, destra-regresso. Il quadro è chiaro ma bisogna con onestà e senso critico sottolineare anche due avversità. La prima è che lo schema italiani vittime/europei carnefici semplifica brutalmente e imprecisamente la questione. Sia come popolo che come classi dirigenti i nostri guai non dipendono solo dai tiranni di fuori ma anche dai cialtroni di dentro, che peraltro rispecchiano il nostro popolo. Non scarichiamo sull'esterno colpe, errori, sprechi, abusi e debiti che derivano da noi stessi. È comodo farlo ma non è veritiero. La seconda avversità riguarda proprio gli attori del cambiamento. Per ridiscutere gli assetti europei e il ruolo dell'Italia, per rinegoziare i parametri, ci vuole un governo forte, saldo, in grado di affrontare le sfide. E qui ci sale tutto lo sconforto. Salvini e i leghisti sono una squadra su cui con qualche azzardo e alcuni seri contrappesi potremmo anche avventurarci a scommettere. Ma lo avreste visto un governo gialloverde, coi grillini che non hanno alcuna preparazione, alcuna convinzione, alcuna storia, riuscire a risalire la china e insieme a farsi sentire in Europa? Non sentivate aria di Grecia, di Tzipras e di come poi si sono ridotti? Pensate che un signore sorteggiato sulla ruota dei grillini, tale Conte, avrebbe potuto trattare con la Merkel e con Junker? Pensate che un Di Maio avrebbe potuto affiancarlo dando forza, credibilità e sicurezza al governo? E se tutto questo fosse stata solo una menata per tornare al voto? Partimmo con tante riserve critiche rispetto al nascente governo, ci sforzammo di sospenderle per non remare contro l'Italia che li aveva votati e non bocciarli prima di vederli all'opera. Ora ci schieriamo inevitabilmente a loro favore quando vediamo la reazione furiosa dell'establishment e l'Italia umiliata. Ma quei due punti restano. E l'idea che tutto questo alla fine si traduca in un'altra campagna di guerra elettorale non ci esalta, mentre ci preoccupa il governo-cuscinetto nato per soffocare nella culla l'onda populista, di farla sbollire con l'alibi di gestire un semestre di scadenze perentorie. Forza Salvini, Avanti Savona, Viva l'Italia. Però che porcata…

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)


PER LA TUA PUBBLICITÀ SU FREESKIPPER ITALIA

CONTATTACI PER LA TUA PUBBLICITÀ

Nome

Email *

Messaggio *