mercoledì 22 agosto 2018

Europee 2019: sarà referendum tra nazionalismo e europeismo.

di Marco Barone. Nel 2019 si svolgeranno le elezioni del Parlamento Europeo.
Elezioni che comunque nel corso degli anni hanno avuto sempre un calo impressionante di partecipazione, scendendo ben sotto la soglia del 50%. Sono 40 anni che si vota in Europa e per l'Europa: 500 milioni di abitanti che tra 50 anni non rappresenteranno neanche il 5% della popolazione mondiale, un continente che sarà anche il più vecchio del globo. Uscita con le ossa rotta dalla crisi del 2007/2008, con politiche di autolesionismo bestiali, come quelle dell'austerità che hanno massacrato Grecia, Spagna, Portogallo e Italia, l'Europa nel 2019 non vivrà un momento elettorale qualsiasi, ma un vero e proprio referendum. Perchè sarà questo il senso del voto. Mai l'Europa è stata vista così distante come in questi anni. Mai così odiata, e mai così a rischio di essere sovrastata dai sovranismi nazionali. Siamo tutti d'accordo sul fatto che l'Europa debba essere profondamente riformata, rivista, ma ciò non potrà accadere con la vittoria dei nazionalismi. Se vinceranno questi salterà ogni processo di unificazione europeo, si ritornerà ai tempi del vecchio muro di Berlino, solo che questa volta non ci sarà più il "pericolo" comunista da fronteggiare, ma nazionalismo contro nazionalismo, quello che condusse l'Europa alla prima guerra mondiale. Ed il fatto che tutto ciò stia accadendo esattamente cent'anni dopo la fine della prima guerra mondiale, dovrebbe pur voler significare qualcosa. No. Non è la storia che si ripete. Sono gli uomini che amano ripetersi in certi orrori.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)