martedì 11 settembre 2018

Articolo 4 della Costituzione Italiana. di Paolo De Gregorio

di Paolo De Gregorio. Articolo 4 della Costituzione Italiana: "La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendono effettivo questo diritto". Praticamente sono 70 anni che tutti i governi di qualunque segno politico non hanno applicato il dettato costituzionale. Il lavoro può essere dato dallo Stato o da privati imprenditori, che però non hanno mai offerto la piena occupazione e quindi il principio per essere effettivo doveva essere seguito da una legge parlamentare: "Qualunque cittadino italiano di età superiore a 18 anni, in dimostrata situazione di disoccupazione, nel Comune dove risiede, con semplice domanda, chiede un salario (pari ad un terzo di un salario medio, circa 500 euro) in cambio di 4 ore al giorno di lavoro socialmente utile per 5 giorni a settimana. I beneficiari e organizzatori di questo servizio sono i Comuni nelle loro varie articolazioni, dalla assistenza domiciliare agli anziani, all'aiuto ai disabili, alla segnalazione di tutte le criticità del proprio quartiere, in uno spirito di collaborazione degno di un vero e proprio servizio sociale, una istituzione da integrare e potenziare anche con il volontariato." I disoccupati sarebbero posti nella condizione materiale di avere tempo per cercarsi un lavoro, qualificarsi per ottenerlo, potrebbero terminare gli studi di qualunque livello, senza sentirsi dei parassiti, ma cittadini con un diritto imposto dalla Costituzione. Ben diverso da un reddito di cittadinanza che suona come una rendita, anche se in realtà non lo è, ma è percepito così da chi vuole lasciare molti disperati sulle nostre strade.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)