sabato 6 ottobre 2018

Debito di Cittadinanza. di Matteo Renzi

di Matteo Renzi. Hanno vinto promettendo al Sud il #RedditodiCittadinanza. Oggi scoprono di non avere soldi, nonostante il deficit al 2.4%.
Faranno un debito di cittadinanza: piccole elemosine controllate dal Governo, puro voto di scambio come ai tempi della Prima Repubblica, tutto sulle spalle della prossima generazione.
Io sarei CONTRARIO al reddito di cittadinanza anche se vi fossero i soldi. Per me bisogna investire sul lavoro, non sull'assistenzialismo: dare i soldi per stare a casa è un'assurdità totale. Un pensiero affettuoso agli imprenditori del NordEst che hanno votato Lega Nord e che oggi si trovano in una Repubblica Democratica fondata sul sussidio. Ma la cosa incredibile di queste ore è il commento medio della classe dirigente del Movimento Cinque Stelle: un partito fondato da un evasore fiscale, che parla di merito per bocca di uno studente fuoricorso, che elegge in Senato il furbetto delle case popolari oggi si permette di dire quali spese vanno bene e quali no. Parlano di spese morali e immorali. Mettono il veto a UniEuro e assicurano che controlleranno gli acquisti degli italiani. Il Grande Fratello anche nel carrello. E poi mi dicono che io esagero con l'espressione ResistenzaCivile. Ragazzi non rischiamo di far la fine della Grecia, rischiamo di far la fine del Venezuela.

1 commento:

  1. Durante il Suo governo, è diminuito il Debito Pubblico, sig. Renzi?

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI