sabato 6 ottobre 2018

Reddito Cittadinanza. Di Maio: “6 anni di galera a chi imbroglia”. Excusatio non petita, accusatio manifesta!

di Redazione. Chi pensa male fa peccato, ma spesso ci azzecca.
E quando il monito sul Reddito di Cittadinanza - "chi imbroglia finisce in galera" (chi si scusa si accusa); "non potrà essere usato per spese immorali" (per quelle c'è il condono) - viene da chi lo ha perorato fino a farlo diventare legge dello Stato, allora c'è poco da stare allegri.
Costringere ancora i cittadini italiani a tirare la cinghia, per elargire un sussidio di Stato a chi non lavora e a chi ha la pensione sociale al minimo, invece di investire in riduzione del cuneo fiscale e tasse, in ricerca, sviluppo e infrastrutture, è inaccettabile, almeno per chi, in questo paese, è ancora sano di mente!
Dire, poi, che i Centri per l'impiego provvederanno al controllo degli aventi diritto al reddito di cittadinanza è come pretendere di camminare sull'acqua!
Strizzare ancora le tasche degli italiani onesti e per bene, per far uscire fuori 780 euro da distribuire a pioggia su un popolo di 'furbacchioni' che lavorano in nero e di pensionati sociali che non hanno mai versato un centesimo di contributi previdenziali all'Inps, è come calare un agnello nella fossa dei leoni!
Purtroppo non siamo tedeschi o svizzeri, ma siamo italiani! Ovvero siamo i furbetti del cartellino e pure quelli dello scontrino. Quelli che intestano immobili e società a figli, mogli, parenti e amici degli amici a loro insaputa. Quelli che nella dichiarazione dei redditi denunciano la metà della metà di quello che guadagna un loro dipendente. Quelli che prendono i mezzi pubblici senza biglietto. Quelli che parcheggiano in doppia fila e passano col rosso, ma solo quando non c'è il vigile. Quelli che arrivano pure a tenersi un parente 'stretto', ma abbondantemente defunto, nel congelatore pur di continuare ad incassare la pensione. Quelli che….ecc, ecc.
Insomma, l'italiano medio è un 'furbacchione' e anche chi non lo è ha comunque un tale culto per la furbizia, che arriva persino all'ammirazione di chi se ne serve a suo danno! Ma a tutto c'è un limite. E oggi come oggi, alla luce dei sussidi di cittadinanza, chi lavora per 700/800 euro al mese o chi, dopo aver regolarmente pagato tasse e contributi, percepisce una pensione di 700/800 euro al mese, cosa dovrebbe fare? Farsi furbo!?

4 commenti:

  1. Preferisco il Lavoro di Cittadinanza.
    Il cittadino lavora e riceve un reddito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esterina MI06 ottobre, 2018

      Sono pienamente d'accordo, non è con l'assistenzialismo che il paese esce dalla crisi e inizia a crescere, a produrre e soprattutto a dare un lavoro dignitoso e ben retribuito ai suoi figli.

      Elimina
  2. Buon sabato Esterina MI, Ti ringrazio per il Tuo commento.

    RispondiElimina
  3. lavoro di cittadinanza? mi piace!

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)


PER LA TUA PUBBLICITÀ SU FREESKIPPER ITALIA

CONTATTACI PER LA TUA PUBBLICITÀ

Nome

Email *

Messaggio *