giovedì 22 novembre 2018

Dopo le Europee, arriverà la resa politica dei conti, ma per imprese e famiglie il conto da pagare sarà un conto salato!

di Redazione. Non è tanto la bocciatura di Bruxelles a spaventare, ma il giudizio negativo pressoché unanime che si è sollevato non solo da tutti i paesi europei, ma soprattutto qui da noi, in casa nostra.
Da Confindustria a Bankitalia ai Sindacati, dalla Corte dei Conti all'Inps all'Ufficio parlamentare del bilancio, dagli investitori ai risparmiatori, è stato tutto un coro di no alla cosiddetta Manovra del Popolo. E udite, udite, persino il ministro per gli Affari Ue, Paolo Savona è contrario alla manovra: "Non si può più andare avanti così, non ha senso. Così non reggeremo a lungo. E la manovra com'è non va più bene: è da riscrivere"!
Ma la prova provata dell'italico dissenso alla politica economica del governo giallo-verde sta nel fatto che l'asta dei Titoli di Stato è andata praticamente deserta!
I sondaggi dicono che questo governo gode del 60% del consenso popolare, ma poi all'atto pratico, quando si tratta di mettere mano al portafoglio investendo in Bot e Btp, gli italiani stigmatizzano come questa maggioranza non sia in grado di governare il Paese e tengono i soldi fermi sul conto corrente o sotto il materasso.
Un governo che elargisce denari pubblici a cani e porci, purché formalmente poveri e disoccupati, con il reddito di cittadinanza ai 'divanisti' e a chi lavora in 'nero', che fa il paio con la pensione di cittadinanza distribuita a chi non ha mai pagato un euro di contributi all'Inps; un governo che pensa di abolire la legge Fornero senza considerare che per realizzare quota 100 servono soldi che non ci sono; un governo che prevede una tassa minima per tutti e altre corbellerie che stanno bene nei libri dei sogni ma non in quelli contabili; un governo che indebita ulteriormente i cittadini con una legge di bilancio a zero crescita, zero sviluppo, zero occupazione e zero tutto, con un 'più' grande come una montagna sul debito pubblico, è un governo che non può durare a lungo.
Il tempo d'incassare i voti delle prossime elezioni Europee e il giorno dopo ci sarà la resa dei conti tra due forze politiche il cui accordo di governo è ormai profondamente logorato. Il fatto drammatico è che dal loro gioco irresponsabile in atto sulla pelle delle imprese, dei lavoratori e dei risparmiatori, il paese ne uscirà con le ossa rotte e un conto salatissimo da pagare che come sempre sarà a carico dei 'soliti fessi'!

1 commento:

  1. 22 Novembre 2018 -- Siamo alla solita: ma perchè si arriva a tanto se si poteva evitare sicuramente!? La causa è la insipienza, la mancanza di serietà e della vera democrazia! E secondo voi? Questo governo sarebbe dovuto cadere almeno da un mese fa, se avessimo dei media onesti e democratici. Ora si spera che almeno, non arrivi al panettone.

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)


PER LA TUA PUBBLICITÀ SU FREESKIPPER ITALIA

CONTATTACI PER LA TUA PUBBLICITÀ

Nome

Email *

Messaggio *