giovedì 22 novembre 2018

Forza Matteo, se vai via hai una probabilità su dieci di riprenderti, se stai nel Pd manco quella.

di Marcello Veneziani. Ma cosa aspetta Matteo Renzi a uscire dal Pd e a fondare un nuovo partito? 
È stato cacciato dal governo, poi dalla guida del Pd, poi dal controllo politico del partito. I suoi supplenti al governo e al partito si sono ammutinati a lui, adesso non può nemmeno dichiarare per chi vota alla segreteria che i candidati si affrettano a smentire ogni intesa con lui, come se il suo voto fosse inquinante e controproducente. Così facevano un tempo per il voto dei fascisti…
Se dice che lui vota Minniti, è Minniti stesso a precisare che lui corre per sé, per il Partito e per la Patria, mica per Renzi. Pussa via.
A questo punto non gli resta che fare le valigie, raccogliere la sua roba, le sue boschi, i suoi lotti e andar via a fondare una Cosa Nuova. Peccato che lo faccia con due anni e più di ritardo; avrebbe dovuto fondare allora il partito della nazione, oggi può fare il partito del granducato fiorentino.
Certo, è curiosa la storia di Renzi, e non solo a causa del protagonista.
Il mistero buffo di Matteo. Diventò senza meriti speciali il Leader Massimo e Assoluto del Pd, del governo e d'Italia. Poi diventò senza demeriti speciali il più detestato e deriso bullo della sinistra, del governo e d'Italia. È un mistero come dal nulla sia sorto ed è un mistero come sia finito nel nulla. Solo da noi si può diventare premier e macchiette di Stato con questa velocità e con questa assoluta gratuità, destituita di ogni fondamento, in ambo i casi.
Renzi è stato fino a due anni fa il leader assoluto d'Italia e del Pd. Poi dovette fare un passo indietro e lasciò che a governare fossero i suoi uomini di fiducia. Poi fece un altro passo indietro perché chi lo aveva sostituito al governo come al partito si mise in proprio e non volle più dipendere di lui. Poi si arrivò alle candidature congressuali e Renzi non solo ha dovuto fare un passo indietro come candidato ma ora deve ben guardarsi dal sostenere un candidato perché rischia di bruciarlo. E la prima cosa che ha detto Minniti è che lui è candidato motu proprio o per volere di 550 sindaci, mica di Renzi.
Vive di rancori e di ripicche, era brioso e anche spiritoso è diventato acrimonioso, anche un po' torvo e gufa, lui che era l'acchiappagufi. Sicuramente stranito per le troppe mazzate ricevute dopo troppe lusinghe, frutto di due indebite overdose, uguali e contrarie, Renzi non sa più che pesci pigliare. Aspetta sempre il turno successivo a quello che si gioca nel presente.
Se fonderà un nuovo partito sarà un'impresa trovare i voti, una volta che ha perso le simpatie moderate e ha accresciuto le antipatie radicali, non piace più a destra e al centro e non lo sopportano più a sinistra e zone limitrofe.
Gli è rimasto mezzo amico Berlusconi ma sono di quelle amicizie che ti fanno perdere la sorte più che aiutarti a trovare una strada.
È sparito il giglio magico, la sera se si vedono piangeranno miseria e conteranno i traditori, facendo riti woodoo per augurare loro la morte.
Renzi portò la sinistra più in alto possibile e poi la portò più in basso che sia mai accaduto. Però in Italia niente è impossibile, i grillini lavorano così bene allo sfascio che rischiano di rimettere in vita anche i più detestati capataz del passato. Per questo Renzi ci può provare.
Forza Matteo, se vai via hai una probabilità su dieci di riprenderti, se stai nel Pd manco quella.

1 commento:

  1. 23 Novembre 2018 -- DESTRA E SINISTRA -- Io l'ho capito troppo tardi e se mi scuso, sarebbe sbagliato. Basta, con questa destra e con questa sinistra, se sappiamo (o lo so solo io), che i grandi statisti del passato, quelli che sono stati amati dal popolo anche dopo morti; per essere amati da tutti, facevano di destra e di sinistra, a secondo della bisogna, è logico no? Per chi non lo ha ancora capito, basta fare la cosa giusta sempre, anche se è la più difficile. E' la Bibbia in poche parole, il libro più importante e il meno letto. Ma i partiti devono sparire? Affatto; essi servono sempre e si devono distinguere dagli obiettivi e dai comportamenti. Chi non è daccordo, mi facesse sapere il perchè per favore.

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)


PER LA TUA PUBBLICITÀ SU FREESKIPPER ITALIA

CONTATTACI PER LA TUA PUBBLICITÀ

Nome

Email *

Messaggio *