giovedì 15 novembre 2018

Tutti contro la Manovra del Popolo.

di Redazione.Tutti contro la manovra finanziaria del governo italiano, sia in casa con Bankitalia, Ufficio parlamentare del bilancio, Corte dei Conti, Confindustria, Sindacati, Opposizioni, che fuori con Fmi, Bce e l'Europa dall'Austria all'Olanda fino alla Germania.
Insomma, tutti contro la manovra cosiddetta del 'popolo'. Cosiddetta perchè anche la stragrande maggioranza del popolo italiano che non ne tirerà fuori neppure un centesimo - pensionati, lavoratori dipendenti, artigiani, commercianti e ceto medio - e tra non molto, appena realizzeranno che non ce ne sarà per tutti, anche i presunti beneficiari di detta manovra - indigenti e pensionati al minimo - sono o presto lo saranno contro i provvedimenti finanziari del governo Lega-5Stelle.
Gli unici che difendono a spada tratta la legge di Bilancio sono Di Maio e Salvini. Due contro tutti! Loro, i due tribuni del governo del cambiamento, sostengono che proprio per avere tutti contro stanno dalla parte della ragione. Ma buonsenso suggerisce che quando tutti, ma proprio tutti la pensano al contrario di te, forse sei proprio tu che hai torto, che stai sbagliando!
E lo 'sbaglio', chiamiamolo così, non è quello di una manovra in deficit, né tantomeno quello di aiutare i poveri, ci mancherebbe altro. Aumentare la spesa pubblica con uno sforamento di appena il 2,4% è legittimo, ma a condizione che non ne derivi un onere più elevato sul debito e che tale spesa sia mirata alla crescita, allo sviluppo, alla maggiore occupazione, alla detassazione generale e non all'assistenzialismo a gogo, al condono degli evasori e dell'abusivismo edilizio.
È legittimo e sacrosanto che un governo stabilisca nuove priorità politiche, ma nella misura in cui queste sono associate a spese aggiuntive, sarebbe consigliabile ridurre altre spese e destinare quei soldi alla crescita.
Ma il governo si ostina ad andare avanti a testa bassa su reddito di cittadinanza, senza dire a chi va, quanto va, in base a quali criteri e come, condono, senza mettere un soldo per il contrasto all'evasione e all'abusivismo, flat tax, ma solo per le partite Iva fino a 65mila euro, e quota 100, con penalizzazioni fino al 30% sull'assegno mensile.
Per contro l'Europa si appresta ad aprire, per la prima volta, contro l'Italia una procedura d'infrazione per debito eccessivo. Iter lunghissimo che scatterà nel 2020, ma che condizionerà i governi futuri e soprattutto le nostre tasche, per gli anni a venire. Servirà, infatti, un taglio annuo del debito di 60 miliardi, il che vuol dire altre tasse e a pagarle saranno come sempre i "soliti fessi"!
Hanno aumentato il debito per mantenere fancazzisti e furbacchioni. Il prezzo da pagare sarà molto alto e ricadrà tutto sulle future generazioni, con tasse sempre più alte e stipendi e pensioni sempre più bassi. E quando i vostri figli vi chiederanno perché, ditegli la verità: ci siamo fidati di queste facce qua. Magari vi perdoneranno... magari!

6 commenti:

  1. Vorrei ricordare al Ministro Salvini, che a TORINO in via Alessandria 12, c'è un ex Asilo il Principe di Napoli, via Alessandria 12, occupato dal 1995, ripeto dal 1995 dagli Squatters. Che sgoberi i rom lo capisco, ma allora perchè dal 1995 non vengono sgomberati gli Squatters?

    RispondiElimina
  2. Una canzone di MINA: parole, parole,parole.
    I politici devono parlare meno e risolvere i problemi

    RispondiElimina
  3. Abito in zona, lo sanno tutti:Vigili, Polizia,....hanno le mani legate. Qualcuno ama questi Squatters. in corso palermo 46 c'è la Federazione Anarchica, imbrattano muri a tutto pisnao, multano le cacche dei cani giusto, multassero anche gli squatters ed anarchici

    RispondiElimina
  4. Allora lo sapra anche madama Appendino

    RispondiElimina
  5. L'ex Asilo Principe di Napoli di Torino, attende di essere restituito a scopi sociali. Occupare abusivamente è vietato

    RispondiElimina
  6. sarebbe ora di restituire l'ex Asilo al Sociale.

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)


PER LA TUA PUBBLICITÀ SU FREESKIPPER ITALIA

CONTATTACI PER LA TUA PUBBLICITÀ

Nome

Email *

Messaggio *