23 gennaio 2019

Aiutiamoli a casa loro? No, lasciamoli vivere.

di Yvan Rettore. Gli Africani (come tutti i popoli del Sud del mondo) non vanno aiutati a casa loro! Sarebbe ora che venissero lasciati in pace a casa loro proprio da noi Occidentali che pretendiamo sempre di sapere come aiutarli e invece facciamo loro soltanto del male perché incapaci di accettare altri tipi di società e di civiltà alternative alle nostre!
E poi cosa ha di tanto esemplare da fornire a quei popoli la nostra tanto osannata società occidentale dominata ormai da un individualismo sfrenato e da una competizione esasperata che risultano essere soltanto distruttivi sia per noi stessi che per l'insieme del pianeta?!
Lasciamo i nostri fratelli di altri lidi coltivare le loro terre per sfamarsi e che possano continuare a vivere secondo i cardini di comunità solidali che consentono anche ai più deboli di non essere abbandonati al loro destino. In parole povere, lasciamoli vivere!
E comunque vada, torniamo a considerare il prossimo nostro, a rispettarlo per ciò che è (e non per ciò che vorremmo che fosse) e in caso di bisogno tendiamogli sempre la mano sia esso bianco, giallo o nero perché si tratta di un essere umano e sarebbe veramente ora che tutti gli uomini cessassero di vedere il nostro mondo incasellato in confini, recinti e frontiere che nulla hanno a che fare con la solidarietà e le caratteristiche di una società che intenda davvero essere umana.

Nessun commento:

Posta un commento

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)