11 febbraio 2019

La dittatura dell’ignoranza.

di Francesco Alberoni. L'altra sera ho assistito ad un dibattito televisivo che mi ha molto impressionato.
Non dirò dove l'ho visto, ma sarebbe potuto avvenire su qualunque rete. Erano presenti quattro persone, due grandi giornalisti esperti di economia e due donne (ma potevano essere due uomini) che non ne sapevano niente, assolutamente niente.
Il risultato è stato che le persone che non sapevano niente sono riuscite a surclassare, rendere muti, quelli che sapevano. In che modo? Gridando le loro stupidaggini come verità incontrovertibili e scartando tutte le obiezioni serie con un gesto di rifiuto. Poi citavano fatti inesistenti, cifre inventate, con la sicurezza dogmatica che solo l'ignorante fanatico può avere.
Ripetevano slogan detti dai loro capi, luoghi comuni che circolano su internet dove ciascuno racconta le frottole che vuole. Ed ho pensato che il popolo da solo non può governarsi perché da solo finisce in balia di demagoghi spregiudicati, di fanatici, talvolta di squilibrati e viene istupidito con menzogne, false notizie. Come è successo col comunismo, col nazismo e col fascismo. Mi viene in mente il fascismo quando il Duce chiedeva: "Volete burro o cannoni?" e la gente rispondeva ottusamente "Cannoni" o, alla domanda "Volete la vita comoda?" rispondeva "No!".
Ed è successo lo stesso quando la folla gridava «Barabba» al posto di Gesù Cristo, o quella che applaudiva quando ghigliottinavano Lavoisier, il padre della chimica moderna.
Il popolo ha bisogno di gente che sa, di studiosi, di giornalisti, di politici esperti che insegnano a ragionare e garantiscono una informazione corretta. Allora il popolo può decidere liberamente. Ma non può farlo quando viene informato da gente che non sa, che mente.
Pericle aveva saggiamente evitato la guerra con Sparta, ma dopo la sua morte, il popolo ateniese seguì gli esaltati che la scatenarono e Atene fu sconfitta. Noi oggi in Italia non siamo in una situazione diversa. Si è diffusa l'idea che "uno è uguale a uno" cioè che abbia lo stesso valore l'idea del più ignorante rispetto a chi sa. E si è prodotta una confusione mentale pericolosa.
Sono le situazioni in cui i Paesi prendono strade folli, e vanno in malora come è successo in Venezuela.

2 commenti:

  1. Gentile sig. Francesco Alberoni,
    concordo pienamente su tutta la sua analisi. In questi anni di rottamazioni e richiami al popolo sono mancati gli intellettuali portatori sani di "verità". Ma, sono mancati ancor di più, i giornalisti televisivi che tra i loro compiti dovrebbe esserci quello di tutelare i cittadini dalle falsità spacciate per verità. Auspico che intellettuali e giornalisti comincino a farsi sentire come lo ha fatto Lei. Il "popolo" ne ha bisogno.
    un saluto, roberto b

    RispondiElimina
  2. "due donne (ma potevano essere due uomini) che non ne sapevano niente, assolutamente niente." Perchè sono state invitate? Il sospetto è che siano state invitate o perchè hanno pagato o perchè così si faceva casino! Nulla è per caso

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)